Chi siamo

Nel dicembre 1993 le principali Associazioni di Categoria ed alcuni Grandi Committenti del Settore delle Costruzioni hanno preso la decisione di costituire un tavolo tecnico multistakeholder, per affrontare e sviluppare le principali tematiche di innovazione e sviluppo di interesse delle stesse Associazioni e, più in generale, di tutti gli operatori del settore. Il gruppo dei Soci Fondatori, la maggior parte dei quali è ancora presente nella compagine sociale, costituiva e costituisce una base sociale unica e rappresentativa di tutti i principali operatori del settore: imprese di costruzione, cooperative, artigiani, progettisti, grandi committenti e pubblica amministrazione.

La prima tematica affrontata, all’epoca fortemente innovativa, era quella dell’adozione da parte delle imprese di costruzione di sistemi gestionali per la qualità conformi alla norma ISO 9001, la cui obbligatorietà era stata appena introdotta dalla cosiddetta Legge Merloni. Per fornire alle imprese associate un valido punto di riferimento nella tematica dei sistemi gestionali per la qualità, venne decisa la costituzione di un Istituto di Certificazione con una specifica competenza settoriale, tale da fornire la massima garanzia sulla corretta applicazione della normativa ISO 9001 a tutti gli stakeholder del settore (imprese e stazioni appaltanti). Venne così costituito l’ICIC (Istituto Certificazione qualità lmprese e servizi per le Costruzioni), affermatosi negli anni come leader fra gli Organismi di Certificazione accreditati (da Sincert/Accredia) che operano nelle Costruzioni, grazie all’alta specializzazione e competenza maturata nel settore.

Negli anni successivi, all’accreditamento per la certificazione dei sistemi qualità ISO 9001 si sono aggiunti gli accreditamenti per la certificazione dei sistemi di gestione ambientale ISO 14001 e dei sistemi di gestione per la sicurezza BS OHSAS 18001 ed alcuni accreditamenti per la certificazione di prodotto e del personale. L’imparzialità dell’lstituto è sempre stata rafforzata dal fatto di essere una Associazione senza fini di lucro, alla quale Ia prefettura di Roma ha riconosciuto personalità giuridica ai sensi del D.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361.

A testimonianza del livello di affermazione di ICIC come ente di certificazione, basta ricordare che nel 2010 una su tre delle prime cento imprese italiane di costruzione per giro d’affari in lavori risultavano essere clienti dell’Istituto. Nel 2014 l’Associazione ha considerato sostanzialmente completato, dopo venti anni di attività come ente di certificazione, il mandato ricevuto dai Soci con riferimento a questa attività ed ha ceduto ad un altro qualificato ente l’intero ramo di azienda interessato all’attività di certificazione, insieme al marchio aziendale ICIC. A inizio 2016, l’associazione, nell’impostare un nuovo programma di attività che ne valorizzasse la caratteristica di tavolo multistakeholder, ha cambiato la propria denominazione in Istituto per lo Sviluppo Tecnologico nelle Costruzioni – ISTECO. Fra le attività sviluppate negli anni dall’associazione e mantenute all’interno di ISTECO è da segnalare l’attività, a supporto dei Soci, per la predisposizione di Codici di Comportamento ex DLgs 231/2001 e di Linee Guida per l’implementazione di sistemi gestionali per l’ambiente e la sicurezza.

News

  • Convegno “Linee Guida Anticorruzione per il Settore delle Costruzioni”

    Il 20 giugno 2018 alle ore 9,00 si è svolto presso CNA Nazionale il Convegno “Linee Guida Anticorruzione per il settore delle costruzioni” Partendo dalla considerazione che la corruzione costituisce […]

  • Progetti cofinanziati da ISTECO

    Il Consiglio Direttivo di ISTECO ha deliberato il cofinanziamento, a fondo perduto, di alcuni progetti proposti e sviluppati dai suoi Soci, come da elenco seguente: Attività formative per il “Piano […]

  • Audizione Ance presso il Ministero delle Infrastrutture sul BIM

    Intervento del Vice Presidente Ance, Gianluigi Coghi PRESSO LA COMMISSIONE DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE, PER L’INDIVIDUAZIONE DI MODALITÀ E TEMPI PER LA PROGRESSIVA INTRODUZIONE DEI “METODI E STRUMENTI ELETTRONICI SPECIFICI” […]

  • Whistleblowing

    Whistleblower è il nome inglese del dipendente che, dall’interno del proprio ente di appartenenza (pubblico o privato), segnala condotte illecite non nel proprio interesse individuale, ma nell’interesse pubblico: la traduzione […]

  • Il Dlgs 50/2016 – Nuovo codice dei contratti pubblici e il Dlgs 231/2001

    Il Nuovo Codice dei Contratti Pubblici (Dlgs 18 aprile 2016, n. 50), fra i diversi elementi di novità, ha introdotto alcune clausole di natura premiale che fanno, direttamente o indirettamente, […]